© 2023 Van Clair srl
P.IVA 02715380065

Intelligenza artificiale, ChatGPT ed eventi aziendali

VanClair
Condividi su:

Cosa contiene questo articolo dedicato a Intelligenza artificiale, ChatGPT ed eventi aziendali

Oggi non si parla d’altro che di intelligenza artificiale. L’AI sta guadagnando una crescente popolarità grazie all’ampliamento dell’applicabilità ad un numero sempre maggiore di settori, alle ingenti risorse investite nella sua implementazione, alla sempre maggiore accettazione da parte del pubblico, alle innovazioni che la rendono sempre più performante e, soprattutto, grazie al dibattito pubblico.

Immaginiamo che anche chi si trova ad organizzare eventi in azienda si chiederà come questa tecnologia, di cui si parla così tanto, possa diventare un alleato.

In questo articolo daremo qualche consiglio prendendo spunto dall’utilizzo che ne facciamo noi oggi in agenzia.

Innanzitutto, partiamo dal chiederci, che cos’è AI?

In questo articolo, ci riferiamo in particolar modo all’AI generativa, un tipo di intelligenza artificiale che può creare nuovi ed originali contenuti come testi, immagini, video, e persino suoni, imparando da schemi di informazioni già esistenti.

Ad esempio, ChatGPT può generare un testo rilevante e che risulti scritto da una mente umana, basandosi sugli input forniti.

Ecco alcuni esempi delle diverse applicazioni che l’AI generativa può avere oggi:

  • scrittura di testi quali email, articoli etc, sulla base di suggerimenti forniti
  • produzione di immagini sia realistiche che a cartoon
  • composizione di musica ed effetti sonori
  • creazione di video ed animazioni
  • generare traduzioni che rompono le barriere linguistiche

Questi sono solo alcuni esempi, ma bisogna tenere presente che la tecnologia continua ad evolvere velocemente e la sfida sarà tenersi aggiornati con le ultime uscite degli strumenti.

Quali usi ne può fare oggi un event manager?

Lo strumento di AI generativa più usato al momento à Chat GPT nella versione 3.5. che però elabora dati solo fino al 2021. Se si desiderano dati aggiornati bisogna passare alla versione ChatGPT4 a pagamento.

Ad oggi nel mondo degli eventi e nella nostra agenzia, ChatGPT è ormai diventato un ottimo strumento per la generazione di nuove idee e come fonte di studio del settore ed aggiornamento professionale.

ChatGPT come strumento di generazione di nuove idee

Scrivendo i giusti suggerimenti o “prompt”, ChatGPT può essere un efficace strumento di brainstorming. Dialogare con l’AI può diventare la fonte di ispirazione di idee per arricchire i contenuti dei nostri eventi.

Ecco un piccolo elenco di esempi di domande per provare ChatGPT per l’organizzazione di eventi:

  • Quali sono le tendenze attuali nel settore degli eventi che potremmo sfruttare?
  • Quali sono i bisogni e i desideri del nostro pubblico target?
  • Quali sono i luoghi unici o insoliti che potrebbero ospitare il nostro evento?
  • Quali sono i potenziali sponsor o partner che potremmo coinvolgere per supportare l’evento?
  • Quali sono le tematiche o i concept che potrebbero rendere l’evento memorabile?
  • Quali sono le attività interattive o coinvolgenti che potremmo includere nell’evento?
  • Quali sono i possibili oratori o ospiti speciali che potrebbero arricchire il programma dell’evento?
  • Come possiamo utilizzare la tecnologia per migliorare l’esperienza degli ospiti durante l’evento?
  • Quali sono le strategie di marketing e promozione più efficaci per raggiungere il nostro pubblico?
  • Quali sono le opzioni di catering o di ristorazione che potrebbero soddisfare le esigenze dei partecipanti?
  • Quali sono le attività di networking o di team building che potremmo organizzare durante l’evento?
  • Quali sono i potenziali problemi o sfide che potremmo incontrare e come possiamo affrontarli?
  • Quali sono i momenti chiave dell’evento che vorremmo far emergere nella mente dei partecipanti?
  • Come possiamo integrare elementi di sostenibilità e responsabilità sociale nell’organizzazione dell’evento?
  • Quali sono i feedback o le lezioni apprese da eventi precedenti che potremmo applicare a questo nuovo evento?

ChatGPT come fonte di studio e crescita professionale

ChatGPT può facilitare l’apprendimento continuo fornendo accesso a materiali formativi, notizie del settore e approfondimenti di esperti, consentendo di acquisire nuove competenze e rimanere aggiornati.

Consigli per scrivere prompt efficaci

Per poter apprezzare il pieno potenziale di ChatGPT, il segreto è nella scrittura dei comandi (prompt). Di seguito ti elenchiamo alcuni consigli:

Essere chiari e specifici
È molto importante che il comando sia chiaro e conciso. Meglio usare frasi complete ed evitare un linguaggio ambiguo specificando l’argomento su cui desideri che l’IA si concentri.

Definire il tono
Specificando il tono della comunicazione, è possibile migliorare qualsiasi risposta facendo sì che non suoni robotica, ma umana. Ad esempio, puoi specificare se desideri risposte professionali, giocose o accademiche.

Spiegare il contesto
Fornire informazioni di base all’inizio per aiutare il modello a comprendere il contesto. Ad esempio, includere il tipo di partecipante, settore industriale, ubicazione dell’evento, ecc., aiuterà a dipingere un quadro più completo per consentire all’IA di generare risposte accurate.

Suddividere le domande difficili
Piuttosto che fare una domanda complessa, meglio suddividerla in parti più piccole e digeribili. Questo aiuterà l’IA a concentrarsi su ciascun componente e fornire risposte più accurate.

Usare esempi e spiegazioni
Fornire esempi o chiarire la richiesta con informazioni aggiuntive quando necessario. Questo può aiutare l’IA a comprendere meglio l’intenzione.

Sperimentare
È necessario sperimentare con i comandi, poiché è improbabile che l’IA non li comprenda correttamente al primo tentativo. Se la sua risposta iniziale non è quella desiderata, prova a riformulare il tuo comando. Sulla base delle risposte dell’IA, affina i tuoi comandi per ottenere le informazioni desiderate.

Fare domande aperte
Evitare di fare domande che possono essere risposte con un semplice “sì” o “no”. È meglio fare domande aperte che incoraggiano la macchina a dare risposte dettagliate.

Specificare la lunghezza della risposta
A meno che tu non specifichi la lunghezza della risposta desiderata, finirai per avere o troppe informazioni o troppo poche. È meglio specificare il conteggio delle parole, il numero di frasi, ecc., richiesti nel tuo comando.

Controllare le risposte

Dopo aver ricevuto una risposta, è bene controllare sempre per accuratezza, rilevanza e allineamento con i tuoi obiettivi. Assicurati sempre di modificare e mettere il tuo tocco personale, specialmente quando crei contenuti.

È importante notare che l’AI è una tecnologia in costante evoluzione e che se da una parte può essere un valido strumento per aumentare la produttività nel lavoro, può avere alcuni rischi e limitazioni (es privacy, notizie false etc..).

Inoltre, è importante ricordare che l’AI non è un sostituto dell’esperienza: è uno strumento potente, ma è proprio solo questo – uno strumento. Non può in alcun modo sostituirsi all’esperienza che gli event planner portano nel loro ruolo.

La parte più rilevante del nostro lavoro, infatti, consiste nel lavorare con le persone, ascoltare e comprendere le esigenze e gli obiettivi dei nostri clienti, portare loro nuove idee e soluzioni, mantenere la calma sul posto e fornire un’esperienza – tutte cose che l’IA non può fare.